Chiesa del Suffragio
Scritto da Administrator   
luned́ 06 agosto 2007
chiesa_suffragio_2.jpg

CHIESA DEL SUFFRAGIO

  

Dopo duecento anni dalla erezione della parrocchia occorreva una nuova chiesa fuori dal Castello per soddisfare le necessità della nuova Borgata che nel frattempo aveva avuto un grande sviluppo sociale. La chiesetta del Casello era rimasta modesta, vecchia e rovinata.

Intanto lungo la via principale della Borgata, l’attuale Corso Matteotti, era stata edificata una chiesetta tra le case, di proprietà della famiglia Narducci di Macerata, come consuetudine delle famiglie benestanti. Probabilmente fu costruita nel XVII sec. .

La Madonna Addolorata ha in questo luogo di culto il suo quadro grande sulla parete di fondo, con Sant’Andrea Apostolo e San Francesco di Paola ( venerati dai pescatori e dalla gente di mare )  ai sui lati e ai piedi le Anime Purganti. Forse nel 1829 fu portato qui il quadro,  in occasione della demolizione della chiesetta del Castello,assieme alla Confraternita del Suffragio.

Secondo un’antica consuetudine, le donne dei pescatori si riunivano nella nuova chiesetta per pregare la Madonna e i patroni dei loro uomini di mare sempre in pericolo. Poi si portavano sulla spiaggia ad attenderli e aiutarli a tirare le reti.

In seguito la chiesetta fu utilizzata come deposito provvisorio di salme e magazzino di grano e infine sconsacrata e chiusa. Fu riaperta al culto, dopo attento restauro, nel 1945.